Argeo

< Torna indietro

ARGEO_PROSECCO_DOC_2015


Ha colore paglierino scarico con riflessi verdolini, perfetta limpidezza traversata da perlage minuto, ricco e persistente.
Il profumo è franco ed elegante caratterizzato da sentori floreali che si fondono in un complesso armonico tipicamente fruttato con intensi aromi che ricordano la mela golden.
In bocca è fresco, delicato, equilibrato e leggero di alcol con lungo finale fruttato. Perfetto come aperitivo, ideale con il pesce, si accompagna assai bene agli antipasti e ai primi leggeri.

Uve da cui è prodotto

Glera (tradizionalmente chiamata Prosecco) con piccole quantità di Verdiso e Perera.

Collocazione geografica

Sulle pendici dei primi contrafforti dolomitici, nella parte nord della provincia di Treviso.

Periodo di vendemmia

Seconda metà di settembre.

Vinificazione

In bianco, cioè in assenza delle bucce alla temperatura controllata di 18°C, per circa 8 giorni.

Presa di spuma

Per lenta rifermentazione in grandi recipienti chiusi, a 12-14°C. Pressione in bottiglia: 5 atm. circa.

Temperatura di servizio

5-7°C, stappando la bottiglia al momento del consumo.

Residuo zuccherino

Circa 12 g/l.

Scheda tecnica Argeo (PDF)

Zona del Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.

Con la nascita dei nuovi disciplinari di produzione l’uva Prosecco prende il nome di Glera, mentre la parola Prosecco va a indicare l’ampio territorio della nuova denominazione che si estende da Trieste sino a Vicenza.
Il grappolo di Prosecco, allungato e spargolo, con peduncolo lungo e sottile, gli acini appena dorati dal sole, si presenta delicato ed elegante proprio come il vino cui darà origine.
Si vendemmia tardi, in ottobre, ed è sempre accompagnato da piccole quantità di uva Verdisa e Perera, ugualmente presenti nel vigneto. Importanti, rispettivamente, per l’acidità, e i profumi.